loader image
Concessione suolo pubblico scadenza, rinnovo e gara ad evidenza pubblica
Concessione suolo pubblico: scadenza, rinnovo e gara a evidenza pubblica
Il nostro studio ha risposto al seguente quesito, formulato da un Comune nostro assistito: Il Comune ha dato in concessione, per la durata di anni 25, il suolo e sottosuolo necessario alla posa delle tubazioni per la distribuzione del GPL uso domestico, artigianale ed industriale. Scaduta la predetta concessione, il Comune è obbligato a rinnovare il contratto? in caso di rinnovo che procedura si dovrebbe seguire? nell’ipotesi di mancato rinnovo quale giustificazione si dovrebbe fornire?
Il quesito formulato dal Comune trova risposta in due pronunce giurisprudenziali del TAR Piemonte – Torino e TAR Lombardia Milano.

Tribunale Amministrativo Regionale| PIEMONTE – Torino| Sezione 2|Sentenza|27 luglio 2016| n. 1083

La concessionaria di un bene pubblico non è titolare (indipendentemente dalla durata del rapporto di concessione) di alcuna aspettativa al rinnovo di un rapporto, il cui diniego, nei limiti della ragionevolezza dell’agire amministrativo, è parificabile al rigetto di un’ordinaria istanza di concessione e non necessita di ulteriore motivazione. Ne deriva che l’ente locale, qualora ritenga di recuperare un’area pubblica per darle una destinazione ritenuta più adeguata alle sue caratteristiche, è libero di non procedere al rinnovo della precedente concessione di suolo pubblico e non deve rendere particolari giustificazioni in ordine alla scelta così operata. In sintesi, l’Amministrazione può decidere, alla scadenza del rapporto di concessione di un bene pubblico, se procedere o meno al rinnovo della concessione medesima (fermo restando, nel primo caso, il doveroso rispetto dei principi dell’evidenza pubblica) e può optare per non rinnovarla ad alcuno.

Tribunale Amministrativo Regionale| LOMBARDIA – Milano| Sezione 4 |Sentenza|24 giugno 2016| n. 1233

La convenzione accessiva al provvedimento di concessione non istituisce una posizione soggettiva di diritto al rinnovo in capo al concessionario, fermo restando che una simile previsione sarebbe di dubbia compatibilità con le norme e i principi, che, a livello interno e comunitario, impongono che l’individuazione del concessionario di beni pubblici debba rispettare le regola dell’evidenza pubblica; infatti l’indizione di una procedura comparativa per il rinnovo deve considerarsi rispondente ai principi comunitari in materia di libera circolazione dei servizi, par condicio, imparzialità e trasparenza, di modo che l’esperimento della gara, per il rilascio o il rinnovo di concessioni di beni pubblici, rappresenta, in mancanza di norme diverse in relazione a specifici e particolari settori, un principio indefettibile.

Alla luce delle predette pronunce, si evince come il Comune non è obbligato a rinnovare il contratto, in caso di rinnovo dovrebbe esperire una gara a evidenza pubblica e nell’ipotesi di omesso rinnovo non è tenuto a rendere particolari giustificazioni.

Il nostro Studio è a disposizione dei comuni interessati a ricevere ulteriori informazioni in materia di concessioni. Avete la possibilità di inviare richieste di chiarimenti e supporto cliccando il seguente link CONTATTACI 

 

oppure clicca qui sotto e

PRENOTA 30 MINUTI DI TELEFONATA CON L’AVV. VICARIO

Studio Legale Vicario
 

©2021 Studio Legale Vicario Assistenza legale per Enti Locali

Via Roma 10 27100 - Pavia (PV) - Italia

Avv. Stefano Vicario P.IVA IT02451960187 | SDI M5UXCR1

PEC: vicario.stefano@pec.it Mail: info@vicario.legal | Privacy Policy

Privacy e Cookie Policy

Realizzato da P.Y.G. Design Studio

Log in with your credentials

Forgot your details?